Lama Giotta

Video Foto Mimino
Archivio privato Carolina Blasi 2020

Lama Giotta ha origine nell’altipiano meridionale della Murgia nel territorio di Putignano, attraversa i territori di Turi, Rutigliano e Noicattaro, passa per Parchitello e villa Giotta (dalla cui famiglia proprietaria ha preso il nome) sfociando a Torre a Mare a Cala Lettata.

Video Foto Mimino

Dal punto di vista geologico il territorio attraversato dalla Lama Giotta consiste in una formazione di base diย Calcare di Bariย del periodoย cretaceo con presenza di formazioni piรน recenti, che poggiano in trasgressione sul substrato sottostante, diย calcareniteย delย pleistocene.

L’ambiente รจ caratterizzato da due aree con ecosistemi differenti.

Il tratto piรน a monte vede la prevalenza di vegetazione submediterranea di latifoglie eliofile quali roverella, leccio e fragno.

Il tratto a valle, in prossimitร  della costa, รจ caratterizzato dalla tipica macchia mediterranea di sclerofille sempreverdi.

Macchia mediterranea in Lama Giotta. Archivio privato Carolina Blasi 2020
Macchia Mediterranea in Lama Giotta. Archivio privato Carolina Blasi 2020

Macchie piรน o meno estese di tali essenze ricoprono il fondo dell’alvero e le scarpate delle sponde. In alcuni casi boschetti poco estesi ricoprono anche parte del piano campagna circostante.

Le boscaglie ed il sottobosco di Lama Giotta ospitano numerose specie di uccelli migratori che trovano riparo durante il transito, la nidificazione o lo svernamento. Sono presenti piccoli mammiferi, rettili e anfibi.

Macchia Mediterranea in Lama Giotta.Archivio privato Carolina Blasi 2020
Lama Giotta a ridosso della Grotta della Tartaruga.Archivio privato Carolina Blasi 2020

L’ambiente salubre, associato alla maggiore presenza di acqua rispetto alla campagna circostante, ha determinato una notevole presenza antropica sin dal periodoย Neolitico, di cui sono conservate numerose tracce.

Nel 1982, in occasione dei lavori di realizzazione del viadotto della SS 16 Adriatica, sul fianco sinistro della lama procedendo dallo sbocco al mare, e stata casualmente scoperta la โ€œGrotta della Tartarugaโ€, che prende il nome dai resti di un carapace di tartaruga terrestre rinvenuti allโ€™interno della stessa in uno degli strati archeologici piรน antichi, che trovano pari riscontri in altre testimonianze di insediamenti preistorici a poca distanza lungo la costa di Torre a Mare.

Si racconta che in una mattina di ottobre del 1974, una piena eccezionale di torbide acque allagรฒ le case piรน vicine alla foce del torrente Lama Giotta, prima di raggiungere il mare.

ย 

Approfondimenti