Porticciolo San Giorgio

Cala San Giorgio, formatasi alla foce dell’omonimo torrente. una volta era istituzionalmente la marina di Triggiano, prima che questa fascia costiera entrasse a far parte del Comune di Bari.

Archivio privato Carolina Blasi 2020

Il porto è noto perché il 9 maggio 1087 sbarcarono i marinai che recavano a bordo le spoglie di san Nicola trafugate da Myra,  e qui sostarono per tre giorni prima di pro­seguire per Bari, come dettagliatamente raccontano i due cronisti dell’epoca Niceforo e Giovanni Arcidiacono.

Targa in bronzo dell'approdo d una delle tre navi

 

 

A ricordo, si conservano due lapidi all’interno del comprensorio del Camping “San Giorgio”

Targa in bronzo dell'approdo dei marinai

.

In questa cala era ubicata una chiesetta dedicata a S. Giorgio de Maritima che ha dato il nome al quartiere, della quale, però, non si conservano tracce attendibili. 

Attualmente è presente la chiesetta SS. Annunziata costruita nel 1973.

Chiesa SS. Annunziata. Archivio privato Carolina Blasi 2020.
Archivio privato Carolina Blasi 2020
Archivio privato Carolina Blasi 2020

.

La bellezza del luogo e il richiamo turistico sono accresciuti dalla presenza del modernissimo ed attrezzato camping.

Nel 1957 il dott. Michelangelo Interesse con spirito imprenditoriale e grande intuito e l’amore per la città di Bari ha trasformato questo litorale, precedentemente quasi impraticabile con circa 5 ettari di campagna incolta e un piccolo porticciolo, in un luogo conosciuto in tutta Europa come il “Camping San Giorgio£, successivamente “Villaggio turistico San Giorgio”, con una spiaggia corredata di piscina, spazi per gli amanti del pattinaggio su pista e dell’hockey, un attrezzato ristorante e il divertimento per bambini e adulti.

Al fine di realizzare una struttura internazionale che, sempre legata alle tradizioni della sua terra, fosse all’avanguardia nell’accoglienza di turisti di ogni parte del mondo, furono edificati cinque trulli all’interno della struttura.

 

Archivio privato Carolina Blasi 2020

.

Partendo da questa convinzione nel 1966 il dott. Michelangelo interesse iniziò i lavori di quello che sarebbe divenuto un padiglione nautico, con un innovativo sistema di alaggio delle imbarcazioni.

Padiglione nautico del Villaggio turistico "San Giorgio"

.

Archivio privato Carolina Blasi 2020

Cut Surf

In questa struttura attualmente ha sede l’Associazione “Cat Surf